Home » News » Gli arresti domiciliari e la chemio.

Gli arresti domiciliari e la chemio.

4 mesi di delirio anche divertente sotto certi aspetti

Domiciliari per 4 mesi con possibilità di uscite fuori orario per esami vari e terapia.
Sembra tutto semplice e lineare: quando devo fare un esame o altro ed esco prima dell’orario consentito devo avvertire telefonicamente.
Stessa cosa se rientro più tardi.

Ci sono anche controlli notturni, quindi per non disturbare troppo invece di suonare il campanello chiameranno al telefono dal cancello. Basterà solo che mi faccia vedere.

Una passeggiata, dopotutto sanno che non sono proprio al 100% e ne tengono conto.

Domiciliari: la realtà

Mattino ore7- buongiorno, sono…devo andare a fare gli esami quindi parto adesso e vi devo avvertire
Lei chi è ? Perchè chiama qui?
Sono …di…All’altro numero non rispondono e devo avvertire se esco prima delle 8
Ah, va bene, quando torna richiami l’altro numero

Al ritorno
Buongiorno , sono… chiamo per avvertire che sono tornato a casa
Ah, perchè dov’era andato?
Bla, bla…..
Doveva chiamare anche prima però, perchè se noi passiamo e lei non c’è…
L’ho fatto ma era presto e ho parlato col 112
Ah era presto….va bene, va bene.

Non è successo solo una volta questo è un esempio, ma almeno ci siamo fatti due risate.
Le avventure più divertenti, dopo i primi tre mesi non erano più così divertenti, erano le notturne.
Silenziose per non disturbare(!) ecco alcuni esempi

ore 3.15 campanello due volte
Sign Negri?
Si sono io
Favorisca i documenti
Un attimo(rientro e prendo la carta di identità)
Ma lei qui ha i capelli lunghi
Li ho persi, sto facendo la chemio
Non è somigliante , faremo una nuova foto la prossima volta…ma è da solo in casa?
No, c’è mia moglie
Va bene, alla prossima.

ore 20.30 cibo caldo in tavola
Campanello tre volte
Negri?
Si, sono io
Ma funziona il campanello?
Sì, io l’ho sentito
Documenti
Lì ho qui (mi sono fatto furbo)
Ma è da solo?
No, c’è mia moglie, stavamo per mangiare.
Non la conosco, dobbiamo controllare la sua identità
Va bene, entrate pure
Ma il cane morde?
No, fa solo un gran casino
Controllo documenti Silvia mentre Lula rischia l’arresto per disturbo della quiete pubblica
Va bene, allora buona serata

Non serve dire che non hanno mai chiamato al telefono.
Però se saltavano un giorno ci preoccupavamo, è capitato che siano venuti 5 volte in 24 ore e poi niente per due giorni.
Abbiamo avuto la tentazione di chiamare per sentire se era tutto ok, con il covid non si sa mai…

marghjerite domiciliari
Le margherite che dovevano fiorire l’anno scorso

La chemio parte due

Quando l’oncologa ha saputo che avrei fatto i domiciliari è rimasta sconvolta.
Comunque abbiamo ricominciato a metà dose una volta a settimana.
Quasi acqua fresca, infatti i dolori sono iniziati.
C’è un pò di confusione sul tipo di antidolorifico perchè io prendo già un farmaco che veniva anche usato in oncologia in passato.
E non và d’accordo con gli antidolorifici che vogliono prescrivermi.
Facciano quello che vogliono, ma io del male non ne voglio sentire.

Ho fatto arrabbiare Silvia dicendo che ho messo da parte i soldi per il funerale e la cremazione.
Mi ha ricordato che dovevamo almeno arrivare alle nozze d’argento secondo i patti.
Ancora si illude.
Tra effetti collaterali della chemio e dolore oncologico non riesco a fare molto.
Sono riuscito ad uscire a cena il 9 giugno, ma purtroppo non c’erano tutti.
Mi dispiace per Tullio.
Ho anche sentito gli amici di SanPa, tramite il passaparole di Corrado.
Anche a loro la frase ‘morto che cammina’ non è piaciuta.
Devo sdrammatizzare no?
Anche questo blog sarebbe da sistemare e pubblicare.
Non posso stare al pc, sto troppo male

Passo e chiudo
Luke…